Una nuova iniziativa G.I.S.I. a favore della riqualificazione energetica

L’energia è uno dei beni più preziosi. Ottimizzarne utilizzo in campo industriale significa contribuire a salvare il pianeta, soprattutto a favore delle future generazioni, ma significa anche ridurre i costi operativi di un’impresa. In particolare, la riqualificazione energetica in ambito industriale consiste nella realizzazione di tutti quegli interventi che consentono un miglioramento in termini qualitativi e di efficienza dei processi, come il miglioramento delle regolazioni, l’efficientamento degli scambi termici, la riqualificazione dei generatori e il recupero dell’energia dispersa.
Come è noto, le spese sostenute per interventi finalizzati al risparmio e alla riqualificazione energetica, ed effettuati su fabbricati appartenenti a qualsiasi categoria, quindi abitativi e strumentali, fruiscono di una detrazione fiscale che comporta un risparmio di imposta.
In particolare, la Legge di Bilancio 2020 (Legge n.160 del 27 dicembre 2019) ha prorogato al 31 dicembre 2020, nella misura vigente nel 2019, la detrazione fiscale dall’Irpef e dall’Ires per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, sia che si tratti di immobili privati sia a uso strumentale. Le detrazioni vogliono incentivare sia il recupero del patrimonio edilizio, sia la riqualificazione energetica degli edifici. L’Ecobonus 2020 estende le agevolazioni fiscali anche agli edifici strumentali per l’attività d’impresa o professionale. Anche per l’anno corrente, quindi, le società potranno investire in sistemi per il miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili esistenti.
Per aiutare le imprese associate ad attuare gli interventi più appropriati, G.I.S.I. ha istituito un nuovo Comitato di Efficientamento Energetico al quale partecipano anche esperti del settore competenti sia nell’acquisto dell’energia (gas, elettrica) che nell’identificazione degli interventi strutturali. Una chiara risposta a una delle emergenze più sentite e una strategia per ridurre i costi.

0 Condivisioni