Sensori per la misurazione del pH

ABB presenta una serie di sensori codificati per colore, per la misurazione del pH. Tra le innovazioni, la diagnostica basata sulla misura continua dell’impedenza del vetro di misura, e il sistema intelligente di monitoraggio degli elettrodi di riferimento

di Noemi Sala

New entry in casa ABB: è stata recentemente lanciata una gamma di sensori codificati per colore, che semplifica la scelta e la gestione della soluzione per la misurazione ottimale del pH. Si tratta di linee di sensori studiate per essere destinate a uno specifico settore applicativo, quello dell’acqua. Sono classificate in tre gruppi: la serie entry-level 100 per la misurazione a costi contenuti in applicazioni di processo generiche, la serie 500 ad alte prestazioni per le applicazioni industriali difficili, e la serie 700 per le applicazioni specialistiche. Gli utenti possono quindi facilmente selezionare, acquistare e utilizzare i sensori di pH più adatti alle proprie esigenze. Sono disponibili inoltre opzioni digitali e analogiche, con la soluzione digitale che offre maggiori vantaggi grazie all’integrata diagnostica avanzata, il modo più efficace per garantire una costante alta qualità dell’acqua.

Per la serie di sensori pH sono disponibili opzioni digitali e analogiche.
Per la serie di sensori pH sono disponibili opzioni digitali e analogiche.

Installazione più semplice e manutenzione più rapida

La tecnologia plug-and-play EZLink di ABB collega tutti i nuovi sensori alla gamma di trasmettitori digitali di ABB, incluso l’AWT420 lanciato sul mercato di recente. Grazie a EZLink l’installazione e la messa in servizio risultano più rapide, e si può accedere ai dati di manutenzione in modo più facile. Questo significa che gli utenti sono in grado di sostituire i sensori nel momento più ottimale, risparmiando denaro senza mettere a rischio il controllo del processo. Progettata per una lunga durata nel massimizzare i tempi di attività del processo, questa nuova gamma incorpora svariate innovazioni. Un esempio è la diagnostica basata sulla misura continua dell’impedenza del vetro di misura, per rilevare tempestivamente i guasti senza la necessità di un elettrodo di terra. Un’altra interessante caratteristica è il sistema intelligente di monitoraggio degli elettrodi di riferimento (REM, Reference Electrode Monitoring), che avvisa tempestivamente in caso si verifichi un avvelenamento dell’elettrodo di riferimento.

Risposta rapida alle variazioni della temperatura

La compensazione ottimale della temperatura è assicurata posizionando l’elettrodo di lettura del pH, l’elettrodo di riferimento e il sensore di temperatura integrato insieme sulla punta dell’elettrodo. Ciò fornisce una risposta più rapida alle variazioni della temperatura, per assicurare una migliore precisione sia durante la calibrazione, sia durante il controllo processo. Per garantire accuratezza e affidabilità anche nei processi più difficili, i nuovi sensori sono offerti con la più ampia gamma di vetri disponibili su tutti gli elettrodi di misura ABB, progettati appositamente per soddisfare vari requisiti come la lettura dei livelli di pH elevati, le basse e alte temperature, e la necessità di un’elevata resistenza agli acidi. È disponibile anche un vetro specifico per la lettura di tutte le applicazioni del settore idrico.

0 Condivisioni