Encoder con IO-Link

L’obiettivo di ogni encoder è quello di definire la posizione assoluta e la velocità in macchine e applicazioni industriali. Ma la famiglia AHS/AHM36 di Sick può andare oltre: ad esempio è disponibile anche in versione IO-Link, per una facile integrazione all’interno della rete e una configurazione immediata per specifiche applicazioni.

Dato che i sensori sono completamente magnetici, gli AHS/AHM36 sono molto robusti e non richiedono manutenzione, generando segnali ottimali anche in ambienti gravosi con temperature tra -20 e +70°C, e in presenza di polvere e acqua (la custodia è garantita fino a IP 65). Per quanto riguarda la risoluzione invece, la versione Singleturn arriva fino a 12 bit, mentre la Multiturn si spinge fino a 24 bit. Grazie al connettore o cavo rotante, ai diversi fori di fissaggio e alle flange di adattamento, l’installazione risulta semplice e senza bisogno di cavi schermati. Il tutto in soli 36 mm di encoder.

0 Condivisioni