Monitoraggio mobile via Bluetooth

Per monitorare la pressione dell’azoto e del fluido nei serbatoi mobili, un’azienda farmaceutica impiega manometri digitali di precisione WIKA. Tutti i dati possono essere trasmessi via wireless a qualsiasi dispositivo dotato di Bluetooth, smartphone compreso

di Anna Balliana

Per realizzare prodotti farmaceutici si utilizzano ingredienti sensibili o critici, per cui la capacità di monitorare continuamente i valori di pressione e temperatura è vitale. A fronte dell’ottimizzazione dell’efficienza dei processi, le soluzioni di misura con comunicazione wireless sono in continuo aumento, soprattutto nelle applicazioni mobili. Sostanze non trattate possono comportare rischi per le persone e l’ambiente.
Inoltre, alcuni principi attivi hanno un valore economico così elevato che la perdita anche di una piccola quantità può causare un danno finanziario. Lo stesso vale per gli errori nel processo di produzione. Interruzioni legate ai trasporti rappresentano poi una sfida immane per le tecnologie di misura e controllo.

Monitorare la pressione di azoto e fluidi nei serbatoi mobili
Un’azienda farmaceutica utilizza serbatoi a doppia parete per le varie fasi necessarie alla produzione di diversi farmaci. Lo spazio tra le pareti esterne e interne è riempito da azoto sotto pressione. Nella remota eventualità che si verifichi una perdita nella parete della camera del prodotto, l’azoto impedisce al fluido di fuoriuscire.
Per monitorare la pressione dell’azoto e del fluido nei serbatoi mobili, il produttore utilizza manometri digitali di precisione CPG1500 di WIKA. Questi strumenti sono in grado di misurare valori di pressione fino a 10.000 bar con un’accuratezza che arriva allo 0,025% dello span. Inoltre, consentono di visualizzare immediatamente anche le più piccole variazioni di pressione, e l’utente può così intervenire tempestivamente in caso di guasto. Il manometro digitale visualizza anche un valore di temperatura come informazione aggiuntiva, calcolato usando la temperatura media, la temperatura ambiente e l’auto-riscaldamento, che sono fattori stabili. Il valore visualizzato indica all’utente che il cambiamento di temperatura registrato è effettivamente attribuibile al fluido.

Un’app per la funzione wireless
La decisione di integrare il CPG1500 nel sistema di controllo del serbatoio è stata influenzata da varie considerazioni: la durata minima della batteria di 2.500 ore, la funzione wireless e il datalogger in grado di registrare più di 50 valori misurati al secondo con una capacità di memoria superiore a 1,6 milioni di punti dati. Il produttore ottiene così un quadro completo ininterrotto e documentato di ogni ciclo di pressione e temperatura durante il periodo di produzione. Tutti i dati possono essere trasmessi tramite l’interfaccia WIKA-Wireless a qualsiasi dispositivo dotato di comunicazione Bluetooth compresi gli smartphone, per il quale l’azienda fornisce un’app dedicata.
Gli smartphone si sono dimostrati molto pratici per il monitoraggio delle unità mobili.
Naturalmente, il CPG1500 è anche collegabile a un notebook o un tablet, sebbene entrambi risultino piuttosto ingombranti per le applicazioni mobili.
La “myWIKA device”, l’app necessaria per la funzione wireless, è scaricabile gratuitamente dagli store per iOS e Android, è completamente compatibile e supporta sia la modalità di trasmissione Low Energy sia Classic.
Il CPG1500 può essere parametrizzato tramite uno smartphone, utilizzabile anche per attivare il datalogger. I dati ricevuti vengono letti come una sequenza di numeri o come un grafico a barre con il software WIKA-Cal o tramite file CSV.
Le informazioni relative a pressione, temperatura e tempo vengono quindi visualizzate sullo smartphone dell’operatore. Tali informazioni possono essere trasmesse a un dispositivo host utilizzando la funzione wireless per ulteriori elaborazioni con i software WIKA-Cal o Excel.

Riportare i guasti in tempo utile per poter intervenire subito
La funzione min/max del CPG1500 è ideale per i processi critici nell’industria farmaceutica, per consentire di riportare i guasti in tempo utile, come una perdita nei serbatoi a doppia parete di cui abbiamo parlato.
A questo scopo viene definito un allarme vicino al valore di pressione minima: se la pressione nella camera dell’azoto scende sotto questo valore, il manometro digitale fa scattare un segnale acustico sullo smartphone dell’addetto, che può intervenire immediatamente. Il data logger fornisce all’utente un quadro dettagliato di tutti i parametri essenziali dell’intero processo.
Quando i serbatoi vengono trasferiti alla stazione di produzione successiva, il personale accede facilmente alle informazioni sui picchi di pressione o sui cambiamenti di temperatura all’interno. L’azienda farmaceutica utilizza anche il logger per i test di qualità alla fine del processo di produzione.
Ciò comporta la registrazione dei cicli di pressione e temperatura per un lungo periodo, mentre il fluido di processo è a riposo. La funzione wireless fornisce una connessione molto sicura, e se lo strumento di misura dovesse perdere il contatto col ricevitore mobile, il guasto viene subito indicato e la connessione ripristinata con un semplice clic, senza perdere dati: tutte le misure registrate nel frattempo sono recuperabili direttamente dalla memoria del logger.

Una soluzione per processi monitorati su lunghe distanze
Le applicazioni wireless tramite Bluetooth consentono un lavoro più flessibile. Tuttavia, la distanza tra lo strumento di misura e il ricevitore è limitata a 15 m. Ciò è adeguato per il monitoraggio dei serbatoi mobili con fluidi critici, poiché è necessario garantire la capacità di intervenire rapidamente in caso di guasto.
Nel caso in cui i processi debbano essere monitorati su lunghe distanze, bisogna scegliere uno standard di trasmissione diverso. Il concetto di crio WIKA, ad esempio, è stato progettato per verificare il livello negli impianti di serbatoi per il gas liquefatto decentralizzati. L’intelliMETRY, il modulo di trasferimento dati remoto al centro di questo concetto, riceve i segnali di uscita elettrici dallo strumento di misura della pressione per quanto riguarda il livello e la pressione di esercizio. Quindi, converte in digitale i valori analogici misurati e li trasmette a un centro dati online tramite una rete GSM (in modalità GPRS o SMS). Questo sistema è adatto anche per altre applicazioni.

0 Condivisioni