Lavoro di squadra nell’automotive

Rockwell Automation e un system integrator tedesco hanno collaborato per rimettere in funzione un sistema di convogliamento ricollocato presso uno stabilimento Ford a Colonia. Il progetto includeva anche una nuova soluzione di controllo

di Ginevra Leonardi

Rockwell Automation e un system integrator locale (SI) hanno recentemente riunito le loro forze per supportare la Ford di Colonia. L’applicazione richiedeva il trasferimento da un vecchio sito produttivo, e la rimessa in funzione presso un sito attualmente in uso, di un sistema di convogliamento dell’area stoccaggio, con oltre 100 nastri trasportatori. Così come hanno collaborato sulla parte logistica per il trasferimento, le aziende hanno lavorato in sinergia per sostituire l’infrastruttura di controllo esistente, ridondante e non supportata, con una soluzione contemporanea che comprendeva lo standard Modular Control Program (MCP) per l’industria automobilistica, integrato in un’architettura basata su Allen-Bradley® Logix.

Le sfide principali da superare: tempistiche e controllo
Quest’applicazione ha messo Rockwell Automation e il SI di fronte a una serie di sfide, prima fra tutte quella del tempo. In ogni ambiente di produzione lean del settore automotive, non ci possono essere anelli deboli o colli di bottiglia, e le linee di questo sistema di convogliamento erano destinate a crescere fino a supportare la piena produzione. Questo significava che il trasferimento, e quindi la messa in opera, sarebbero stati fondamentali per il funzionamento della linea di produzione e qualsiasi ritardo sarebbe stato inaccettabile. Un altro problema riguardava lo sviluppo della nuova infrastruttura di controllo, che avrebbe dovuto essere sostituita con una nuova soluzione basata su standard. Per questo motivo il SI, su suggerimento dell’ingegnere di Ford, ha coinvolto i tecnici di Rockwell
Automation per la loro conoscenza sia dello standard MCP che Ford aveva richiesto, sia dell’architettura Logix.

Un sistema per l’automotive ma adattabile ad altri settori
MCP è uno standard co-sviluppato da Rockwell Automation per l’industria automobilistica, adottabile anche ad altre applicazioni che prevedono l’installazione di convogliatori. Si tratta di una soluzione di programmazione e controllo modulare, che in alcune installazioni fa funzionare stabilimenti automobilistici completi, compresi i servizi gestionali e l’assemblaggio finale. In presenza di un’architettura aperta e modulare, l’MCP può interfacciarsi con altri sistemi, nonché utilizzare i tradizionali bus di comunicazione. Grazie all’architettura aperta della soluzione Logix, i dati dei controllori programmabili di automazione (PAC) sono anche indipendenti dalla tipologia di piattaforma; ciò significa che possono interfacciarsi con un gran numero di dispositivi e reti di terze parti. MCP richiede Studio 5000® versione PAC 16 o successive, ed è integrato nell’ambiente FactoryTalk® View. In questo caso, la nuova installazione gira su un PAC Allen-Bradley ControlLogix, collegato a vari moduli Allen-Bradley POINT I/O™ tramite EtherNet/IP™. Un terminale grafico Allen-Bradley PanelView™ Plus fornisce il feedback e le interazioni con l’operatore.

Programmazione e funzionamento
Due tecnici di Rockwell Automation hanno programmato in circa tre giorni la prima serie di nastri trasportatori della nuova installazione, per operazioni di base e interfacce operatore funzionali. I tecnici del SI in un fine settimana hanno fatto funzionare l’installazione in modalità automatica, completando il lavoro. “La linea è ora installata e funzionante ed è stata inoltre estesa. Stiamo anche ultimando, ripulendo e pacchettizzando la libreria di codice per i progetti futuri, così come stiamo sviluppando modelli e programmi di formazione” afferma Holger Adam, Global Technical Consultant Automotive Industry e Team Lead di Rockwell Automation Germania. “MCP fa sì che tutti i nostri sistemi di trasporto funzionino esattamente allo stesso modo, ovunque questo standard venga introdotto. Ciò significa che possiamo far ruotare il nostro personale mantenendo lo stesso livello di competenza, indipendentemente da chi sia di turno” aggiunge David Green, Supervisore Controlli e Standard, VOME Reparto Costruzione Carrozzerie di Ford. “Inoltre, avere uno standard significa poter implementare qualsiasi sistema in un periodo di tempo molto più breve, e con la consapevolezza che sia installato secondo i nostri requisiti. Con il nostro sistema di convogliamento produciamo oltre 1.800 unità al giorno, e ciò rende altamente critico qualsiasi fermo e l’interfacciamento con qualsiasi altro sistema”.

0 Condivisioni