A Parma per tre giorni si parla “digital”

Tra pochi giorni aprirà le porte SPS IPC Drives Italia, in programma dal 22 al 24 maggio: tra le novità, l’ampliamento del quartiere fieristico con un percorso dedicato alla Digital Transformation e un nuovo padiglione intitolato Digital District

di Silvia Foglio

Quando il manifatturiero italiano ha iniziato a fare i primi passi verso Industry 4.0, c’era bisogno di un luogo in cui confrontarsi sul tema delle tecnologie, del loro impiego e della loro capacità di innovare sia i prodotti sia i processi. Ora, le competenze in questo ambito contano su un nuovo elemento: l’esperienza. Seguendo questa linea, Messe Frankfurt Italia rilancia l’area Know how 4.0 all’interno di SPS IPC Drives Italia, la fiera dedicata all’automazione e al digitale per l’industria, in programma a Parma dal 22 al 24 maggio. In questa edizione 2018 l’area si inserisce in un nuovo percorso che va ad ampliare il quartiere fieristico, quello della Digital Trasformation, diventando contenitore di diverse esperienze e casi, per far comprendere al visitatore le potenzialità e lo stato dell’industria 4.0 nel nostro Paese. Allo stesso tempo, l’area si conferma come la piattaforma in cui lanciare e proporre nuove idee, da quest’anno grazie anche agli abilitatori di tecnologia.

Dai robot fino alla meccatronica: una divisione per aree tematiche
Quest’anno l’area Know how 4.0 presenta le soluzioni per aree tematiche. Si parte da Robot&Co, dedicata alle principali tecnologie della robotica tradizionale e collaborativa. Ma non si parlerà solo di questo: a collaborare saranno macchine, uomini e processi attraverso esperienze di analisi dati, intelligenza artificiale e sistemi di visione. Si prosegue con le soluzioni di automazione e meccatronica avanzata, che connesse possono interagire con le soluzioni del mondo digitale. Ed è proprio da qui che partirà il link verso il Digital District, un nuovo padiglione dedicato all’avvicinamento tra i mondi IT e OT. Il visitatore potrà testare con mano installazioni di casi reali presenti sul mercato, demo realizzate tra la collaborazione di player digital e dell’automazione focalizzate su digital, cyber security, software, cloud e IIOT, accanto a un’arena per i dibattiti sulle tecnologie nascenti. Infine, un appuntamento quotidiano intitolato “Cyber Hour” sensibilizzerà i visitatori sulla sicurezza informatica.

Innovazione tecnologica made in Italy
Il progetto 4.It, nato in collaborazione con AIdAM (Associazione Italiana di Automazione Meccatronica), intende aumentare il percorso espositivo del Know how 4.0 mostrando sempre più soluzioni di integrazione tecnologica, valorizzando quelle implementate da imprese italiane. Il punto di forza è il coinvolgimento dei costruttori di sistemi meccatronici complessi, che pensano a nuove forme di integrazione con il digitale per la fornitura di servizi evoluti. Le soluzioni meccatroniche presentate mostreranno l’integrazione tra automazione, motion control, sistemi di misura e di visione, ma anche sistemi di simulazione avanzata, analytics e big data, che insieme danno vita a soluzioni che ispirano nuovi processi e nuove lavorazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.