La privacy nell’era di Industry 4.0

di Renato Uggeri, Presidente Onorario G.I.S.I.

La trasformazione dei settori industriali, che avviene soprattutto attraverso l’integrazione dei sistemi di automazione con quelli IT, richiede innovazioni nelle infrastrutture di connettività, nei dispositivi intelligenti collegati via IP e nelle differenti applicazioni software in grado di elaborare e creare valore dai dati. In particolare, l’IoT promette di legare tutti insieme i dispositivi intelligenti in grado di raccogliere dati, prendere decisioni e mantenere gli utenti informati sui potenziali problemi. D’altra parte, se i dati che le imprese producono e utilizzano sono sempre di più, tanto che si parla ormai di Big Data, questi devono essere protetti con nuove soluzioni di security e cybersecurity. Allo stesso tempo, l’evoluzione tecnologica sta incidendo profondamente sulla privacy poiché, in un ambiente “aperto” come quello di Industry 4.0, è necessario garantire la protezione dei dati personali. A tale proposito, è ormai vicino il passaggio dal vecchio Codice della Privacy al nuovo Regolamento Europeo sul trattamento dei dati personali (GDPR). Come spieghiamo nell’articolo di approfondimento pubblicato a pagina 12, il nuovo Regolamento, che è già entrato in vigore dal 25 maggio 2016, troverà piena applicazione dal 25 maggio 2018, e gli imprenditori avranno a che fare con concetti da comprendere con attenzione, come privacy by design e privacy by default. Chi gestisce dati sensibili dovrà quindi garantire la massima trasparenza e la sicurezza della protezione durante tutto il ciclo vitale del dato. La privacy dovrà essere un’impostazione di default e occorrerà prevenire e non correggere. Un elevato numero di imprese italiane sembra non essere ancora pronto ad allinearsi ai nuovi provvedimenti UE, nonostante le severe sanzioni previste. Un aiuto potrà arrivare proprio dal Piano Industria 4.0, che prevede la possibilità di investire anche per avviare l’adeguamento al GDPR. La privacy, da costo può trasformarsi in risorsa di valore.

0 Condivisioni